Georges Lakhovsky e l’esordio del Prof. Calligaris

logo centro ricerche editoriali internazionali CREI

Post a cura di:

Gian Battista Pecere
Giornalista e Direttore del C.R.E.I.
Centro Ricerche Editoriali Internazionali
https://www.creisrl.it/

Intorno al 1904, in quel periodo, faceva parlare di sé, per gli addetti ai lavori, un certo ricercatore di nome Georges Lakhovsky, un giovane 35 enne biologo, ingegnere e scienziato, nato nel 1869 in Bielorussia di origini ebraiche, visse parte della sua vita in Francia, trasferendosi poi a New York dove nel 1942 morì.


Il biologo Lakhovsky ebbe delle intuizioni su come riordinare l’equilibrio psicofisico che spesso è la causa di tanti nostri disagi mentali e malattie. Mente geniale, mise a punto un sistema di trasmissione ed applicazioni pratiche sulla medicina vibrazionale.

Lakhovsky sosteneva che è proprio dalla vibrazione della cellula e dal suo buon funzionamento ed equilibrio che si denota la buona salute del fisico umano. Infatti, è confermato oggi dalla scienza ufficiale che, attraverso un’oscillazione cellulare errata, si produce lo squilibrio oscillatorio, la degenerazione del corpo in tutte le sue fasi, ed inoltre anche delle formazioni tumorali.

Sosteneva anche che esiste una comunicazione tra cellule e cervello per mezzo di frequenze, e che queste frequenze e vibrazioni si possono generare attraverso un generatore meccanico molto semplice in grado di generare le stesse frequenze e vibrazioni riconosciute dal nostro sistema di ricettori e trasmettitori presenti nel corpo e nel cervello umano.


Fu anche l’inventore di “apparecchi”, “oscillatori multi-onda”, che a suo dire sarebbero stati in grado di guarire neoplasie. Insomma un altro genio considerato un marziano per quel periodo.

Consiglio

Per chi non conosce Georges Lakhovsky, può informarsi attraverso il:
Centro di Ricerca Georges Lakhovsky
Radiestesia – Geobiologia – Radionica
Via Aquileia, 17 – 47900 – Rimini (RN)

Recapiti e contatti:
Tel. +39 0541 740378 oppure +39 339 5044534
sito: centrolakhovsky.cominfo@centrolakhovsky.com

Veniamo a noi.

Incuriosito dalle percezioni dello scienziato Lakhovsky, e da altri giovani scienziati che menzioneremo cammin facendo, il giovane 31enne Dott. Giuseppe Elia Calligaris medico neuropatologo volle approfondire tali studi e ricerche ed iniziò a fare ricerche ed esperimenti sulla cute del corpo umano, stimolato anche dal suo mentore prof. Mingazzini, e dopo soli 2 anni e mezzo di ricerca l’8 gennaio scrisse una breve relazione che presentò il 12 gennaio 1908 all’Accademia medica di Roma, riassumendo brevemente i risultati ai quali era giunto finora, riservandosi di chiarire successivamente il seguito delle sue ricerche.


In quel momento grazie alle sue ricerche era in grado di chiarire alcuni punti oscuri della fisiopatologia umana, riuscendo a dimostrare l’esistenza dellametameria sensitiva spinale”, che successivamente si rese conto che sarebbe stato meglio chiamarla metameria sensitiva cerebrale”.

Per sua stessa ammissione disse che tali scoperte rivestivano un’importanza tale che era necessario approfondire le ricerche, e sperimentarle su più persone non solo ammalati ma anche di sana e robusta costituzione.

NdR

Anche noi di R.A.P.S.O. desideriamo portare avanti le sue ricerche.
Informare e coinvolgere più persone possibile è infatti uno degli scopi del nostro sito internet.

Guardando al microscopio la cute dell’essere umano, si riscontra in tutta quanta la sua superficie un reticolo e parecchie forme geometriche che disegnano una continuità come se fossero delle microscopiche maglie di catena allineate fra loro, nelle quali sono tracciate delle linee, queste forme di catene seguono quattro direzioni: longitudinale, trasversale, obliqua destra e obliqua sinistra e di conseguenza anche le linee al loro interno seguono le stesse direzioni.


Prendendo in considerazione una maglia di queste catene con le relative linee longitudinali parallele fra loro ha riscontrato che nell’adulto, e rispetto alla sua conformazione fisica, occupano una superficie che varia dagli 8/10/12 mm più o meno, e rappresentano delle direttrici di collegamento riflessologico che sulla parte posteriore o dorsale del corpo sono in stretto collegamento con la parte psichica, ed esaminando invece la parte anteriore o frontale il riscontro lo si ha con la parte fisica.

Seguiranno aggiornamenti

Per rimanere aggiornati consigliamo di iscriversi alla newsletter NdR

Stiamo parlano del periodo che va dal 1904 al gennaio del 1908.

  • nel 1901 pubblicò la sua tesi di laurea,
    TESI – LAUREA – Dott. Giuseppe Calligaris Titolo – “Il pensiero che guarisce”
    Università di bologna – 1901 Tipografia D. Del Manco – di Udine
  • nel 1905 ARTICOLO – “Contributo alla sordità pura isterica.”
    (NO-CATENE LINEARI Opera di Neuropatologia NdA)
    Atti clinici Otorinolaringoiatria, Roma, 1905.
  • nel 1907 ARTICOLO – “Paramiospasmo tonico in psicastenico”
    (NO-CATENE LINEARI Opera di Neuropatologia NdA)
    Rivista di Patologia Nervosa e Mentale, Volume XII – Fascicolo 8, Agosto 1907.
  • E nel 1908 ARTICOLO in Tedesco – “Beitrag zum Studium der Zellen des “Locus coeruleus” und der Substantia nigra.-=Italiano-“Contributo allo studio delle cellule del “Locus coeruleus” e della Substantia nigra.”
    (NO-CATENE LINEARI Opera di Neuropatologia NdA)
    Pubblicato su: Monatsschrift fur Psychiatrie und Neurologie Band XXIV – Heft 4.Berlino 1908.

E finalmente nel 1908 iniziò a pubblicare articoli riguardanti le sue ricerche sulle “Catene Lineari del Corpo e dello Spirito”.

e nello stesso anno pubblicò 6 articoli (dei quali ho copie originali NdA) che sono:

  1. ARTICOLO – “Intorno ad alcune forme di anestesia nella lebbra e nella gangrena delle estremità.”
    Rivista Italiana di Neuropatologia, Psichiatria ed Elettroterapia. Vol. II, fasc. 2.
  2. ARTICOLO – Intorno la topografia dei disturbi sensitivi nella siringomielia.
    Rivista Neuropatologica, Vol. II. 1908. N. fasc.10-11.
  3. ARTICOLO – “La metameria sensitiva spinale.”
    Il Policlinico. Vol. XV-M Sez. prat., 1908.- cit. 1- I Serie.
  4. ARTICOLO – Primo “Ricerche sulla sensibilità cutanea dell’uomo.” (segue) Il Policlinico. Anno XV-Volume XV-M fascicolo 10-Roma ottobre, 1908. – I Serie.
  5. ARTICOLO – Secondo “Ricerche sulla sensibilità cutanea dell’uomo”
    Il Policlinico. Anno XV-Volume XV-M fascicolo 11- Roma novembre, 1908. – I Serie.
  6. ARTICOLO – “La dottrina unitaria dei diversi tipi di anestesia.”
    Rivista Italiana di Neuropatologia, Psichiatria ed Elettroterapia- Vol.V- fasc. 7,-1908

Il primo libro sull’argomento risale al 1928 con il
LIBRO – “Le catene lineari del corpo e dello spirito”
Udine G. B. Doretti, 1928

Ne seguirono altri 17 se contiamo la tesi sono 18 più 3 inediti causa morte che sono:

  • LIBRO- Marte INEDITO
  • LIBRO- La mia battaglia (autobiografia INEDITA)
  • LIBRO- Malattie del ricambio – INEDITO

Questo fu l’esordio del Prof. Calligaris, data di inizio primavera del 1904 e 12 Gennaio 1908 quando dichiarò al mondo accademico e scientifico i primi risultati delle sue ricerche.

2 commenti su “Georges Lakhovsky e l’esordio del Prof. Calligaris”

  1. Ciao Diego, Ti ringrazio di aver citato la fonte se sei d’accordo fra un’informazione e l’altra, potremmo continuare su cosa realizzo dal 1909 andando avanti.
    Forse è la volta buona che si fà un pò di chiarezza sulla sua vita e contestualmente sulle sue ricerche.

    Rispondi
    • Caro Gian Battista… citare la fonte è il minimo.
      Dimmi se posso fare altro per te.

      I tuoi contenuti sono di grande valore quindi per me è una gioia condividerli sul blog e Calligaris merita di essere riabilitato.

      Rispondi

Lascia un commento

Scroll Up